DD 
Legal Consulting

STUDIO LEGALE

Avvocato stabilito - Abogado

DAMIANO DELL'ALI 

DD - LEGAL CONSULTING

Ordine degli Avvocati di Roma - Illustre Colegio de Abogados de Madrid

© 2018 - Diritti Riservati ​- P.IVA 01622100897 - C.F. DLLDMN85A25F943D


facebook
linkedin
21/12/2018, 18:48

ricostruzione carriera; risarcimento; anzianit preruolo



La-ricostruzione-delle-carriera-è-illegittima-
La-ricostruzione-delle-carriera-è-illegittima-
La-ricostruzione-delle-carriera-è-illegittima-
La-ricostruzione-delle-carriera-è-illegittima-


 Il Tribunale del Lavoro di Roma accoglie i ricorsi depositati per il personale della scuola pubblica, docente ed ATA, accogliendo le tesi dall’avv. Claudio Zaza interpretative dell’ultima pronuncia dalla Corte di Giustizia Europea



Ad una lettura superficiale dellasentenza Motter dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea dello scorsosettembre, indotta dal giudice remittente (Tribunale di Trento) che ha datoalla CGUE una rappresentazione errata e tendenziosa del quadro normativo, ilpersonale scolastico ha "rischiato" di non vedersi riconosciuto integralmenteil servizio prestato in favore del MIUR, durante il periodo di precariato. 

La CGUE pur affermando che, soloin ipotesi, le tesi sostenute dall’Avvocatura di Stato, secondo cui ilriconoscimento parziale degli anni di precariato, operato tramite il meccanismodella ricostruzione dal MIUR, sarebbe legittimo, ha però affermato il principioper il quale il percorso professionale dei dipendenti deve essere valutato inconcreto dal Tribunale lasciando, in tal modo, spazio per una interpretazionefavorevole per i dipendenti. 

Il Tribunale di Roma ha accoltotale impostazione dichiarando l’illegittimità della ricostruzione dellacarriera del MIUR, con conseguente riconoscimento integrale dell’anzianità e condannaal pagamento delle differenze retributive maturate, oltre, ovviamente all’inquadramentonella fascia stipendiale corretta. 

Ha affermato l’avv. Claudio Zaza «Io e i miei colleghi di studio, avv.tiTiziana Congi e Damiano Dell’Ali siamo davvero soddisfatti del risultatoottenuto. Abbiamo sempre creduto nella difesa dei diritti dei lavoratori,combattendo affinché fosse riconosciuta parità di trattamento tra lavoratoriprecari e lavoratori a tempo indeterminato. La sentenza Motter, ad una letturasuperficiale, avrebbe potuto ribaltare l’orientamento precedentementeconsolidato. Il Tribunale di Roma con altra argomentata pronuncia ha accolto lenostre tesi, riconoscendo integralmente il periodo di precariato, in ossequioalle norme comunitarie dettate in materia». 

Ricordiamo che il riconoscimentointegrale del periodo di precariato può essere accertato solo in sedegiudiziale e che, in caso di accoglimento della domanda, il dipendente avrà diritto,oltre ad una somma a titolo di differenze retributive, ad una serie di beneficitra cui l’adeguamento della propria fascia stipendiale e una maggiorecontribuzione previdenziale ai fini pensionistici. 

Per qualunque altra informazioni in merito osemplicemente per verificare la fattibilità di un’eventuale azione giudiziariain tal senso, vi invitiamo a prendere contatto con il nostro studio legale,anche per una prima consulenza gratuita.
24/06/2018, 17:30

Lavoro subordinato, accertamento unico centro imputazione



Il-centro-unico-di-imputazione-di-interessi


 Quando e come le rivendicazioni di un lavoratore possono essere rivolte a più società.



Molti lavoratori, seppur formalmenteassunti con una società Beta, di fatto, si ritrovano a prestare il propriolavoro in favore della società Alfa. 

Cosa di intende per centro unico di imputazioni di interessi? 

Come chiarito da un’ormai consolidatagiurisprudenza di legittimità e di merito formatasi in materia, si ha un centrounico di imputazione di interessi ogni qualvolta: «più soggetti aventi autonoma personalità ma comuni interessi economicipossano essere considerati unitariamente, se non sotto il profilo giuridico,sotto quello economico. Nel caso in cui lo stesso lavoratore abbia prestato lasua attività alle dipendenze di tali soggetti occorre accertare se i duedatori di lavoro non siano stati in realtà uno solo, per la configurabilitàdi un legame tale da far ritenerecostituito fra gli stessi un complesso unitario, nell’ambito del quale,pur con la formale distinzione dei rapporti di lavoro, sia in effettisussistente una continuità sostanziale dell’originario contratto di prestazioned’opera subordinata con una fittizia successione del soggetto  datoredi  lavoro» (Cass. Civ. Sez. Lav.  Sent. n. 12817/14; Cass., 18 aprile 1986, n. 2756; Cass., 23 novembre 1987, n. 8659;  Cass., 2 luglio 1981, n. 4312; v. pure Cass., 15  maggio 2006,  11107) vedi anche: Cass. Civ. Sez. lav.n. 25763/2009; Cass. Civ. Sez. lav. 5496/2006; Cass. Civ. Sez. lav. 11107/2006;Trib. Roma Sez. Lav. Giudice dr. Di Paola, causa nrg 221205/20007 Sent. n,19189/2008; Trib. Roma, Sez. Lav. Giudice dr. Mimmo, cause riunite nrg2319-3020-3652/2009 Sent. n. 8882/2010; Trib. Roma, Sez. Lav. Giudice dr.Mimmo, cause riunite nrg 34936-35455-36657-36872-38850/2008 Sent. n. 8885/2010;Trib. Roma Sez. Lav. Giudice dr.ssa Vincenzi, causa Sent. n. 13642/2006) 

Ed ancora: «Tale situazione ricorre ogni volta che vi sia una simulazione ouna preordinazione in frode alla legge del frazionamento di un’unica attivitàfra i vari soggetti del collegamento economico - funzionale e ciò vengaaccertato in modo adeguato, attraverso l’esame delle attività di ciascuna delleimprese gestite formalmente da quei soggetti, che deve rivelare l’esistenza dispecifici requisiti». (Cass. Civ. Sez. lav. n. 3482/2013) 

In un giudizio instaurato innanzi al Giudice del Lavoro,ai fini dell’accertamento della sussistenza di un rapporto lavorativo fra undipendente e più datori di lavoro riconducibili ad un unico centrod’imputazione di rapporti giuridici e/o comunque economici, la giurisprudenza ha individuato iseguenti parametri per la determinazione
- unicità dellestrutture organizzative e produttive;
- integrazione trale attività esercitate dalle varie imprese del gruppo, con correlativointeresse comune;
- coordinamentotecnico e amministrativo-finanziario tale da individuare un unico soggettodirettivo che faccia confluire le diverse attività delle singole imprese versouno scopo comune;
- utilizzazionecontemporanea della prestazione lavorativa da parte delle varie societàtitolari delle distinte imprese, nel senso che la stessa sia svolta in mododifferenziato e contemporaneamente in favore dei vari imprenditori chefruiscono dell’attività del lavoratore. 

In tale tipologia di giudizi sarà onere del lavoratoredimostrare la sussistenza di detti requisiti, documentalmente o ancheattraverso un’istruttoria testimoniale.
06/05/2018, 13:29

Precariato scuola, discriminazione, anzianit di servizio



Il-personale-precario-delle-scuola-è-discriminato--


 Il personale precario della scuola è illegittimamente discriminato rispetto al personale di ruolo



Buongiorno avvocato,

sono una collaboratrice scolastica, precaria da ben 12 anni.

La mia retribuzione è stata sempre la stessa, non ho mai visto un aumento nella mia busta paga.

Diversamente, alcune mie colleghe, di ruolo, godono degli scatti di anzianità.

Mi sento davvero discriminata, non ritengo corretto che, nonostante l’esperienza maturata nel mio settore, non mi venga riconosciuto alcun diritto.

Grazie anticipatamente per il parere sulla questione che vorrà fornirmi.

Firmato, una precaria della scuola stanca.

_______________

Gentile sig.ra X,

Come ha, correttamente, osservato Lei, lo Stato Italiano discrimina gli insegnanti ed il personale ATA non di ruolo

Tale discriminazione è evidente nel trattamento economico corrisposto al personale a tempo determinato, il quale percepisce (anche dopo diversi anni di servizio in pre-ruolo, come nel suo caso) la stessa retribuzioni, senza mai vedersi riconosciuti gli scatti di anzianità previsti dal CCNL di settore. 

Ad oggi, proprio in ragion del fatto che la stragrande maggioranza dei Giudici nazionali si sono uniformati ad una ormai granitica giurisprudenza positiva, che richiama numerosi principi del diritto comunitario, al personale precario viene riconosciuto lo stesso trattamento economico del personale di ruolo solo a seguito di idonea azione giudiziaria.

Qualora voglia approfondire l’argomento, con una specifica analisi del suo caso e valutare insieme la possibilità di esperire un’azione giudiziaria in tal senso, non esiti a contattarmi.

Cordiali saluti.



1233
Create a website